È dal 1986 che è entrato in vigore il divieto di caccia alle Balene, istituito dalla Commissione baleniera internazionale (Iwc) per proteggere questo maestoso mammifero acquatico, nonché l’animale più grande al mondo. Dopo la tragedia dello scorso fine settimana nelle spiagge di Farewell Spit, in Nuova Zelanda, dove circa 600 balene si soo arenate, oggi 13 Febbraio si celebra la Giornata Mondale delle Balene, per tutelare, celebrare e sottolineare l’importanza di proteggere questo animale dalla straordinaria intelligenza.

Tuttavia le minacce alle balene sono ancora molte, infatti Paesi come il Giappone, la Norvegia e l’Islanda continuano a cacciare le balene (quest’ultima anche la Balenottera Comune, specie in via d’estinzione). Ma la caccia, purtroppo, non è l’unica maniera in cui l‘uomo mette a rischio la vita di questi cetacei! Dobbiamo considerare anche: il crescente inquinamento delle acque del globo, i cambiamenti climatici, le catture accidentali da parte dei pescherecci, le collisioni con le navi e l’esplorazione petrolifera.

C’è chi però “combatte divertendosi”, come nell’isola hawaiiana di Maui che dal 1980 la Pacific Whale Foundation organizza il Maui Whale Festival, una festa interamente incentrata sulle balene, con concerti e carri allegorici a tema. La manifestazione è nata per festeggiare il ritorno delle Megattere nell’isola durante la loro migrazione stagionale, infatti Maui è anche un ottimo posto per fare whale-watching.